Sei molto di più di ciò che fai!

Sei molto di più di ciò che fai!

La vita di ognuno di noi è talmente piena che sempre più spesso sembra un susseguirsi di impegni e scadenze.

Siamo genitori, figli, amici, compagni, impiegati, insegnanti, avvocati, musicisti, poliziotti, cuochi, confidenti, ricchi, poveri…una infinita lista di ruoli, di caratteristiche, di diverse condizioni che ci assorbono al punto che ci identifichiamo totalmente in essi!

Se ti chiedessi chi sei, molto probabilmente inizieresti ad elencarmi proprio la tua lista di ruoli. E non ci sarebbe nulla di male a dire il vero.

Il problema nasce nel momento in cui permettiamo alla nostra mente di giudicare il nostro valore in base a come svolgiamo quei ruoli.

Un genitore perfetto, un figlio modello, un insegnante capace, un tecnico risoluto… Abbiamo sempre in mente l’immagine perfetta alla quale tendere e quando capita che ci discostiamo da quell’idea di perfezione socialmente prestabilita, iniziano ad affiorare frustrazione e sensazioni di presunta inadeguatezza.

Questo accade quando dimentichiamo che la nostra essenza è molto, molto di più. Accade quando non ci accorgiamo di essere perfetti anche quando commettiamo un errore.
Sei un essere meraviglioso ed è ora che insegni alla tua mente a smettere di giudicare te stesso sulla base dei risultati nei ruoli che ricopri!
Insegna alla tua mente che ognuno di noi fa del suo meglio nel momento in cui si trova e che pienezza e soddisfazione non dipendono da quanto ti avvicini a idee precostituite di perfezione!
La tua perfezione risiede nella tua unicità, nel tuo unico e speciale modo di pensare ed agire. La tua perfezione è proprio nel tuo essere come sei!!!
Quando inizierai ad accettarti ed amarti per come sei, la tua splendida luce si espanderà in ogni tuo ruolo, in ogni ambito della tua esistenza e le persone che ti circondano la rifletteranno di conseguenza!
Non è mai troppo tardi per iniziare a volare, ma siamo noi a dover fare quel salto, siamo noi ad avere il dovere di amarci per ciò che siamo, al di là di quanto siamo o meno aderenti ad immagini irraggiungibili di perfezione.
SEI AMORE. SEI PERFETTO.

Iniza a crederci, manca solo questo.

Amore e luce a te ❤️

– Marco Fincato –

La strada giusta è la tua

La strada giusta è la tua

Quante volte ti sembra di essere nel posto sbagliato al momento sbagliato?

E quante volte ti senti nel posto giusto al momento giusto?

Che sensazione provi se ti dico che sei sempre nel posto giusto al momento giusto?

Un’affermazione forte che necessita di una spiegazione: ogni istante della nostra vita è caratterizzato da un’esperienza che stiamo vivendo. Ogni istante della nostra esistenza siamo immersi in qualcosa che accade intorno a noi e che lascia il segno dentro di noi; grande, piccolo, importante o insignificante che sia, ogni secondo vissuto è un’esperienza che ci tocca in qualche modo.

Il punto è: in che modo preferisci rapportarti a questa esperienza? Aspettare che passi? Farti travolgere? Controllarla? Comprenderne il senso? Pensare alle conseguenze? Non fare nulla?

Sono solo una minima parte delle possibili scelte. Ce n’è però una che può essere più funzionale di altre, soprattutto se hai deciso che E’ ORA DI ESSERE FELICE: comprendere che il caso non esiste e ogni istante della tua vita è unico e irripetibile e porta con sé una possibilità inestimabile di consapevolezza e, quindi, di potenziale felicità.

Voglio dire che per migliorare la tua vita per portarla verso un’abbondanza e una pienezza mai provate, è arrivato il momento di prendere una decisione fonadmentale: PASSARE DA SPETTATORE A PROTAGONISTA, DA VITTIMA A CREATORE.

Come si fa?

Smascherando le resistenze che la mente mette in atto per mantenere tutto in quella IMMOBILITA’ CHE VIENE CONFUSA CON STABILITA’.

1) In ogni momento, permettiti di vivere il “qui ed ora” e considera che sei sempre nel posto giusto ed è sempre il momento giusto per sentire se la situazione di quel momento TI FA STARE BENE o TI FA STARE MALE.

2) In ogni momento, permettiti di vivere il “qui ed ora” e SMETTI DI PENSARE AL PASSATO perché non ti serve a nulla rimpiangere ciò che era o ciò che non è stato. Non ti serve a nulla giudicarti per ciò che eri o che non sei stato. PENSA PIUTTOSTO A CIO’ CHE SEI, A CHI VUOI ESSERE E A COSA E’ IMPORTANTE PER TE.

3) In ogni momento, permettiti di vivere il “qui ed ora” e SMETTI DI PENSARE AL FUTURO perché non ti serve a nulla PREoccuparti di qualcosa che ancora non è accaduto. Non ti serve a nulla creare aspettative, ansie o pensieri. PENSA PIUTTOSTO A CIO’ CHE SEI, A CHI VUOI ESSERE E A COSA E’ IMPORTANTE PER TE.

4) In ogni momento, permettiti di vivere il “qui ed ora” e SMETTI DI LAMENTARTI DI CIO’ CHE NON VA  perché non ti serve a nulla se non ad abbassare le tue vibrazioni e ad offuscare la tua splendida luce. PENSA PIUTTOSTO A CIO’ CHE SEI, A CHI VUOI ESSERE E A COSA E’ IMPORTANTE PER TE.

5) In ogni momento, permettiti di vivere il “qui ed ora” e TROVA MOTIVI PER RINGRAZIARE, basta un sorriso, un abbraccio, un caffè offerto, una qualsiasi delle molte cose che finora hai dato per scontate.

QUELLA IN CUI SEI, E’ LA STRADA PERFETTA PER RENDERTI CONTO CHE SEI UN ESSERE MERAVIGLIOSO e CHE LA LUCE SI RICONOSCE MOLTO MEGLIO QUANDO C’E’ BUIO INTORNO.

Testa alta. Guardati. Complimentati con te stesso per tutti i tuoi pregi, per la fatica che hai fatto per essere chi sei, per le prove che hai superato. SBARAZZATI DEL GIUDIZIO ALTRUI, MA SOPRATTUTTO DEL TUO: NON TI SERVONO CONFERME PER RICONOSCERE LA TUA GRANDEZZA. NON ASPETTARE DALL’ESTERNO I RICONOSCIMENTI CHE SOLO TU PUOI DARTI.

FALLO E BASTA. QUESTO E’ IL PRIMO PASSO DELLA TUA ABBONDANZA.

Amore e luce a te.

Marco Fincato

 

 

 

 

https://www.liberodivolare.com/calendario.html

Vola alto: lo meriti.

Per essere davvero libero di volare non basta solo volerlo: bisogna crederci, bisogna agire!

Ma da dove si comincia?

Io ho deciso di rompere la gabbia delle mie convinzioni, dei miei condizionamenti culturali, dei limiti che ho chiamato certezze, delle credenze che il mio subconscio ha sempre considerato verità inviolabili!

Non conta quanto la mente lo ritenga difficile e non conta quanto tempo ci voglia: quello che mi sembra più importante è che NE VALE LA PENA.

1) Riporta il focus al momento presente e dedica qualche minuto ogni giorno a te stesso per fare un po’ di silenzio con l’obiettivo di rilassare la mente e per imparare osservare le cose da un punto di vista più elevato e più consapevole.
2) Insegna a te stesso che anche i mille impegni quotidiani possono essere vissuti con coinvolgimento ma senza arrivare a farsi travolgere.
3) Insegna a te stesso che la LEGGEREZZA non ha nulla a che vedere con la superficialità.
4) Insegna a te stesso che le sfide della giornata non sono necessariamente problemi ma possono trasformarsi in OCCASIONI.
5) Insegna a te stesso che la GIOIA non può venire aggiunta dall’esterno ma va riscoperta dentro.
6) Insegna a te stesso che PIENEZZA e FELICITA’ dipendono da quanto sei disposto ad amare te stesso e ogni attimo di questa meravigliosa vita.

7) RISCOPRI CHI SEI e insegna alla tua mente che sei un essere meraviglioso, nato dall’amore, nell’amore e che SEI MANIFESTAZIONE FISICA DELL’AMORE, quell’amore che è un tuo diritto di nascita.

Amore e Luce a te.

– Marco Fincato –

Firma

donna palloncini2

www.liberodivolare.com/virtualmind.html

Ti evolvi nella gioia o nella sofferenza?

Ti evolvi nella gioia o nella sofferenza?

“L’universo non manda nulla che tu non sia pronto ad affrontare”.

Ho sempre creduto in questa affermazione e ci credo ancora fortemente.
Si, perché dopo anni di sfide superate e di occasioni (le chiamo volutamente così nonostante spesso abbiano preso la forma di vere e proprie disgrazie) – a volte decisamente drammatiche – ho imparato che proprio nei momenti più bui sono riuscito ad attivare le risorse necessarie a ritrovare la luce.

E di fronte a una situazione molto dolorosa che si stava protraendo da mesi, qualche sera fa, sono giunto a un bivio fondamentale e dopo essermi reso conto di essere più che equipaggiato per superare anche questa, mi sono fatto finalmente la domanda più importante: HO DAVVERO INTENZIONE DI CONTINUARE AD EVOLVERMI ATTRAVERSO FATICA E SOFFERENZA?

Quante occasioni buie deve ancora mandarmi l’universo per farmi riconoscere la mia luce?
Quante volte ancora vorrò convincermi che il buio mi serve a definire il significato di luce?

Ho deciso quindi di cambiare modo di affrontare le situazioni. Talmente diverso che la mia mente, sconvolta, è andata in loop non trovando soluzioni razionali all’accaduto.

1. Per cominciare ho adottato una filosofia molto più congeniale alla mia evoluzione, presa in prestito da Confucio: “Se puoi risolvere questa cosa, perché ti preoccupi? E se non puoi farci nulla, perché ti preoccupi?

2. Da quel momento ho iniziato a comprendere e sperimentare quindi una cosa fenomenale: L’UNIVERSO NON HA VOLONTÀ PROPRIA E RISPONDE ALLE MIE RICHIESTE, CONSAPEVOLI O MENO, E NON È INTERESSATO A MANDARMI ESPERIENZE PER EVOLVERMI!!!

3. Ho deposto le armi. Nessuna sfida, nessuna lotta, nessun controllo, nessuna aspettativa.
Non lo avevo mai fatto.
Si chiama AFFIDARSI e rinunciare quindi a dare energia e forza a ciò che non vogliamo semplicemente smettendo di farsi travolgere da pensieri e paure.

4. Ho fatto un bel respiro ed ho elencato su un foglio le sensazioni spiacevoli e le paure che sentivo nel lasciare il controllo della situazione. L’ho fatto da solo, con domande del tipo: “cosa può accadermi se lascio che accada questa cosa?” o “se succede questa cosa, cosa perdo?”

5. Questo elenco era pieno di potenziali disastri. Ma la novità stavolta, era che non li ho considerati oggettivi e universali, ma solo delle possibilità! Non ho elaborato strategie di reazione o di protezione e ho elencato su un’altro foglio le possibilità opposte, positive che sarebbero potute accadere in alternativa a quelle disastrose di prima ed ho scelto di credere in quelle cancellando le altre.

Quell’immagine nuova era talmente perfetta che ho chiuso gli occhi e ho deciso di sognare che fosse già reale, già accaduto. Ne ho assaporato immagini, sensazioni, piaceri immergendomi in quella vita perfetta qualche minuto al giorno.

Beh, sta accadendo.

L’UNIVERSO HA CAPITO CHE SONO PRONTO AD AFFRONTARE ANCHE LA GIOIA..Ma soprattutto, L’HO CAPITO IO.

E tu sei pronto a lasciar andare i conflitti e attirare gioia?
Lascia andare allora. Fai spazio. Fai quei 5 passi al più presto anche tu.

Ti auguro di cuore di esserti stato utile, buona vita <3

Marco Fincato

Il tuo Vero Te sta aspettando

Lo meritiamo. E’ ora di accorgercene <3

Uno sguardo, un abbraccio, una parola, una conversazione, un bacio, una discussione, un cenno, una chiacchierata, una carezza… E’ meraviglioso elencare le mille sfumature che colorano le infinite possibili interazioni fra noi, gli infiniti rapporti che quotidianamente viviamo e che nella maggior parte dei casi, diamo per scontati.

Infinite possibilità, infinite occasioni per renderci conto di quanto sia importante, anzi, fondamentale, il nostro essere in costante contatto – non solo fisico – con altri esseri umani come noi. Si, perché ci rende vivi, ci ricorda che siamo Uno, ci fa evolvere, esprimere, amare..ci rende chi siamo.

C’è però un rapporto altrettanto importante, essenziale, fondamentale, che di solito è quello meno coltivato e allo stesso tempo, quello più ovvio e dato per scontato: QUELLO CON NOI STESSI.

ME STESSO: la sola e unica persona al mondo che mi sarà sempre accanto. La sola e unica persona che mi capisce, che sa tutto di me, che conosce ogni più remoto pensiero nascosto nella mia mente..la sola e unica persona che conosce il significato di ogni emozione che provo.

Beh, ci credi se ti dico che è anche la persona che ho dimenticato più spesso di accogliere, di coccolare e di ascoltare? Pare assurdo ma mi ci sono voluti anni e vari generi di percorsi per comprendere che tutto quello che mi mancava nella vita (sotto forma di affetti, denaro, oggetti, salute..), era solo una cosa: IL MIO AMOR PROPRIO. Già, amare gli altri mi è sempre venuto più facile e poi, essendo una cosa meravigliosa, non mi sono mai reso conto che stavo dando ad altri qualcosa che non davo a me!

A lungo ho cercato colpevoli e capri espiatori per quello che non fluiva al meglio nella mia vita; a lungo ho creduto che soddisfazione e pienezza dipendessero da una serie di condizioni e fattori che, messi insieme, mi avrebbero potuto rendere una persona appagata e felice.

Non mi sento di escludere questa possibilità, nel senso che la pienezza dipende senz’altro da una serie di condizioni, ma il punto è un altro: LE CIRCOSTANZE E LE CONDIZIONI CHE DETERMINANO ABBONDANZA E PIENEZZA LE CREA LA NOSTRA DISPOSIZIONE A RICEVERE AMORE.
Felicità, soddisfazione, pienezza ed abbondanza non possono entrare se la nostra porta è chiusa e, tienilo a mente, quella porta la possiamo aprire solo noi. E’ nostra, è la porta che abbiamo chiuso per proteggerci e per difendere i nostri confini!

Se hai un attimo ti svelerò come aprire la porta…pronto?

La chiave è già nelle tue mani ed è questa: IMPARA AD AMARE TE STESSO E A CONCEDERTI IN QUESTO MODO IL PERMESSO DI RICEVERE.

SI, hai letto bene. E’ SOLO questo.

ORA, però FALLO.
Abbracciati, coccolati, complimentati con te stesso, accogliti, perdonati..RICORDATI DI TE E DELLA TUA ESSENZA CHE PER TROPPO TEMPO SI E’ ADEGUATA AD ASPETTATVE ALTRUI. SMETTI DI METTERLA IN SECONDO PIANO.
Cosa ti piace fare? FALLO.
Cosa ti fa star bene? FALLO.
Cosa ti scalda il cuore? FALLO.
Non c’è più tempo per aspettare che siano altri a creare la tua felicità: INIZIA TU STESSO ORA, SUBITO.
Togli egoismo e sostituiscilo con amor proprio.
Togli egoismo e sostituiscilo con amor proprio.
Togli egoismo e sostituiscilo con amor proprio.
FALLO. ORA. SUBITO. ADESSO.
La tua anima e l’universo non vedono l’ora di inondarti dell’amore che meriti..E LO MERITI!!

Amore e luce a te <3

Marco Fincato

Scusate il disturbo ma ora tocca a me.

Scusa il disturbo.

Con questa frase ho sempre iniziato una telefonata o esordito entrando in una stanza.

È educazione, è rispetto..è far spazio all’altro, accoglienza, empatia. È quello che mi hanno spiegato essere giusto e me l’hanno insegnato così bene che per tutta la vita non ho mai nemmeno osato immaginare che potesse essere una verità parziale.

Si, parziale perché mancante di una parte fondamentale: ME.

Il rispetto nei miei confronti non era mai contemplato negli insegnamenti: tutto ruotava intorno al fare spazio all’altro; perfino al parco giochi dovevo essere sempre disposto a dare i miei giochi a chiunque li chiedesse e per riaverli indietro..lasciamo stare..ma quando volevo giocare io con i loro o andare io in altalena? “C’è il bimbo prima di te”, ” Scendi che tocca al bimbo”, “I giochi sono i suoi e decide lui”.

MA PERCHÉ I MIEI GIOCHI ERANO DI TUTTI???

Oltre ad avere imparato valori come generosità, altruismo e rispetto, avevo involontariamente appreso che gli altri erano più importanti di me.

Avevo imparato che rinunciare a sé era un valore cui aspirare perché amare gli altri escludeva l’amare me stesso e credevo che sacrificarmi equivalesse ad amare di più.

Oggi ho capito che dimenticandomi di me, non mi resta nulla da dare agli altri e che sacrificio e privazioni impoveriscono anziché portare felicità.

Oggi ho imparato che egoismo e amor proprio sono due concetti opposti che dipendono da punti di vista diversi. Oggi scelgo l’amor proprio e scelgo di meritare l’abbondanza e la pienezza di cui l’universo è colmo.

Oggi ho deciso che vivere nell’abbondanza non mi farà in alcun modo perdere l’umiltà, la sensibilità, l’empatia, l’educazione e i tantissimi valori che mi hanno caratterizzato fino ad oggi.

Oggi ho deciso che il mio amor proprio sarà la base di una vita felice e sarà luce per i miei cari e per chiunque ne abbia bisogno.

“Sei una persona importante e meriti molto: se non sei il primo ad amarti, chi può farlo al posto tuo?

Sei un essere meraviglioso e sei il primo a dovertelo ricordare <3″

Amore e luce.

– Marco Fincato –

Firma

 

 

 

 

https://www.liberodivolare.com/virtualmind.html

cuore-luce2

Riprenditi per mano!

“Avremmo dovuto, avremmo voluto, sarebbe bello, ci piacerebbe, se potesse essere così, se queste parole fossero vere, se fosse possibile, quanto lo vorremmo, quanto lo spereremmo, se lo permettessero, se fosse facile, se fosse per me, se smettessero di mettermi il bastone fra le ruote, se, se, se…”

Però, quanti SE!
Se siamo i primi a non crederci, come potrebbe cambiare?

In questo istante possiamo reagire alla passività.

Possiamo decidere di smettere di guardare sempre all’esterno, di attribuire ad altri la responsabilità di ciò che non va nella nostra vita.
Possiamo scegliere di concentrarci su quello che vogliamo migliorare di noi stessi e, anziché sperare che le cose cambino da sole, possiamo permettere al nuovo di entrare, facendogli spazio e liberandoci dalla zavorra che continua a bloccarci!

Intorno a noi c’è uno specchio fatto di persone e di situazioni che riflette chi noi siamo, quello che crediamo, quello a cui diamo energia e quello che ci aspettiamo e se vogliamo che cambi la realtà intorno a noi, dobbiamo partire da noi stessi.

Finché siamo qui, finché abbiamo la possibilità di dire ‘buongiorno’, C’E’ TEMPO A SUFFICIENZA PER RIPRENDERCI PER MANO E PASSARE DALLE PAROLE AI FATTI.

Il bicchiere si può anche vedere mezzo pieno.

Ne hai il diritto.
Ne abbiamo il diritto.

– Marco Fincato –

Firma

 

 

https://www.liberodivolare.com/thetahealing.html

 

hands-heartbiss2abc

Rialzati, puoi farcela :)

Una persona infantile è una persona che non è cresciuta; una persona con l’animo bambino è una persona cresciuta bene.

Da bambino credevi che tutto fosse possibile e continuavi ad insistere quando incontravi difficoltà.

Da bambino sapevi che tutto può avere un lieto fine.

Da bambino chiamavi magia quello che non sapevi spiegarti..ma lo credevi possibile.

Da bambino non gettavi la spugna e quando cadevi, ti rialzavi!

E’ proprio mantenere questo atteggiamento verso la vita che farà di te un adulto di successo.

Amore e luce

– Marco Fincato –

Firma

scalinii2

http://www.liberodivolareshop.com/

La bacchetta magica

Hai mai sentito parlare di bacchette magiche?

Io si, e molte moltissime volte ho desiderato di averne una (e anche più di una) per poter risolvere tutti i problemi della mia vita.

Come sarebbe impugnarla e ottenere tutto quello che vogliamo?
Come sarebbe farlo senza sforzo?
E non sarebbe bello ottenere tutto e subito?
Si! sarebbe bello. Anzi no. Sarebbe magnifico!

Però ci hanno insegnato che le bacchette magiche appartengono al mondo delle favole e  che crederci sarebbe come ammettere che gli asini possono volare.
Soprattutto, ci hanno insegnato che chi ci crede è uno stupido.

Ammetto che ci ho creduto anche io. Ma in parte.
Ed è per questo che oggi sono qui a scriverti.
Voglio dirti che le bacchette magiche, quelle cose di plastica colorata…ecco a quelle no, a quelle IO non ci credo.
E fino a quando non avrò altre dimostrazioni, non ci crederò.

Però io credo che – SI – le bacchette magiche esistano.
Sono reali, possiamo toccarle, guardarle allo specchio, parlarci, sentire il loro odore e a  tratti possiamo anche percepirne pensieri ed emozioni.

Le bacchette magiche siamo noi.
Sono io.
Sei tu.
I tuoi figli.
Tuo marito, tua moglie.
I tuoi amici e i tuoi animali domestici.

Ognuno di noi è la bacchetta magica in cui, ammettiamolo, abbiamo smesso di credere da  bambini.

Ognuno di noi ha in sé tutti gli elementi necessari per usare questa bacchetta e far risplendere la propria vita.

Per riappropriarsene bisogna iniziare a convincersi che NULLA ACCADE PER CASO e che in ogni istante è possibile voltar pagina, anche quando la mente cerca di farci credere che sia difficile, faticoso e ormai inutile: NON E’ MAI TROPPO TARDI per iniziare ad amare noi stessi!!

Fai un bel respiro, rilassati e ricontatta la tua parte più profonda, quella che al di sopra della mente razionale, sa esattamente di cosa hai bisogno. La tua parte più intima e luminosa che prende voce quando la mente inizia a tacere (Se hai bisogno di aiuto, puoi usare una meditazione guidata tipo QUESTA). Impara a riconoscere la tua voce interiore, quella che continuamente cerca di sussurrare la tua verità ma che quasi mai ti permetti di ascoltare.

Per come la vedo io, una volta intrapresa la strada della consapevolezza, non importa quanto la mente creda che sia dura, faticosa o difficile; il mio nuovo motto è: NE VALE LA PENA, QUINDI LO FACCIO.

Ritrova il coraggio di perseguire quello che ti fa stare bene, al di là di ogni paura, al di là di ogni dubbio, al di là di tutte le resistenze al cambiamento che inconsapevolmente hai messo in atto finora!

Io ho scoperto un altro modo per ri-cominciare ad usare la mia bacchetta magica, e lo insegno da anni.
E’ il ThetaHealing.

E’ meraviglioso riscoprire il proprio potere, le proprie capacità e i propri infiniti potenziali!

Ri-comincia da te.

Amore e luce

– Marco Fincato –

Firma

 

 

 

woman-meditating-sunset2

Il Mio Ebook gratuito

Coincidenza o Attrazione? – I Condizionamenti e il loro potere

Nel primo articolo sulla Legge D’Attrazione (Se non lo hai letto, clicca QUI), abbiamo analizzato il funzionamento di questa Legge considerandone la potenza ma anche la semplice linearità: attiriamo nella nostra realtà le stesse frequenze (vibrazioni) che emettiamo in ogni istante.

Arriviamo oggi al nocciolo del problema che molti sollevano: PERCHE’ CON ME NON FUNZIONA?

La domanda, in realtà, non è affatto corretta, perché la Legge D’Attrazione, FUNZIONA SEMPRE!
Quello che molti non considerano, però, è che NON TUTTI SONO CONSAPEVOLI DI CIO’ CHE EMETTONO a livello vibrazionale, e quindi, di cosa stanno attirando nella loro realtà!

Questo accade perché spesso non viene ben spiegato un concetto fondamentale e cioè che NOI NON SIAMO SOLO RAZIONALITA’ e che la nostra mente consapevole controlla solo una minima parte dei nostri pensieri.

ABBIAMO UN PILOTA AUTOMATICO in noi che percepisce, filtra, giudica, etichetta e DECIDE molto, molto prima che la mente razionale se ne accorga!!
Ecco perché puoi pensare positivo quanto ti pare ma spesso continui a sperimentare le solite dinamiche.

Ti faccio notare un dettaglio che può cambiarti la vita se lo comprendi bene.
Il nostro comportamento è governato da un insieme di credenze ataviche, familiari, sociali, di cui spesso non siamo consapevoli e che ci spingono ad agire in un modo talvolta stereotipato e in contrasto con il nostro modo di vedere la vita: SI CHIAMANO CONDIZIONAMENTI INCONSCI.

Sono delle verità incontrovertibili che decidono a nostra insaputa cosa è giusto, sbagliato, facile, difficile, etico, possibile, impossibile (…) in ogni istante della giornata, in modo del tutto automatico e senza alcun controllo da parte della mente!
Fortunatamente, molte di queste verità sono condizionamenti ‘potenzianti’ che ci permettono di affrontare sfide quotidiane, di vivere momenti meravigliosi, sperimentare situazioni positive e di apprezzarci ed amarci per quello che siamo ma ce ne sono anche molti ‘depotenzianti’ che limitano fortemente la nostra pienezza portando nella nostra realtà conflitti, sofferenza, insuccessi o delusioni.

Queste convinzioni-credenze-condizionamenti ‘limitanti’ sono molto più potenti di quelle consce e, proprio perché risiedono nel 90% della nostra mente (appunto, inconscia) prendono abitualmente il sopravvento sulle nostre scelte consapevoli, indipendentemente da quanto determinati, positivi e costruttivi possiamo essere.
Esse vengono assimilate e diventano parte del nostro inconscio in diversi tempi e modi.

Durante i primi anni della nostra vita, quando gesti, parole e abitudini familiari vengono fatti nostri formando così il nostro carattere e il nostro personale modo di concepire e interpretare il mondo.
Durante l’evolversi della vita stessa, quando razionalizziamo le esperienze quotidiane e, giudicandole, ne traiamo conclusioni e conseguenti modi di reazione.
Dalla società in cui viviamo, che ci trasmette usi, costumi e schemi di comportamento codificati.
Dalle esperienze e dalla saggezza del passato, dei nostri avi e della storia in generale.

E’ A QUESTO LIVELLO CHE DOBBIAMO LIBERARCI PER PERMETTERE ALLA LEGGE D’ATTRAZIONE DI PORTARE NELLE NOSTRA REALTA’ QUANTO MERITIAMO!

Fortunatamente, proprio in questi anni, stanno fiorendo tecniche in grado di svolgere questo lavoro di ‘riprogrammazione’. Una fra tutte, quella che al momento mi sembra la più veloce e potente, si chiama THETAHEALING, che, fra i vari scopi, ha proprio quello di aiutare a riconoscere i condizionamenti che per anni hanno guidato la nostra vita a nostra insaputa per poi modificarli in pochi minuti.

Grazie a questo lavoro diventa allora possibile allineare la mente consapevole con quella inconscia e iniziare a sperimentare la pienezza che questa meravigliosa vita può portare in ognuno di noi <3

Lo meriti.

Lo meritiamo.

Amore e luce a te.

– Marco Fincato –

Firma

(Per info su questa splendida tecnica, clicca qui:
https://www.liberodivolare.com/thetahealing.html
https://www.liberodivolare.com/thetahealing/onde_th.html
https://www.liberodivolare.com/thetahealing/seminari_th.html)

thinking2