La strada giusta è la tua

La strada giusta è la tua

Quante volte ti sembra di essere nel posto sbagliato al momento sbagliato?

E quante volte ti senti nel posto giusto al momento giusto?

Che sensazione provi se ti dico che sei sempre nel posto giusto al momento giusto?

Un’affermazione forte che necessita di una spiegazione: ogni istante della nostra vita è caratterizzato da un’esperienza che stiamo vivendo. Ogni istante della nostra esistenza siamo immersi in qualcosa che accade intorno a noi e che lascia il segno dentro di noi; grande, piccolo, importante o insignificante che sia, ogni secondo vissuto è un’esperienza che ci tocca in qualche modo.

Il punto è: in che modo preferisci rapportarti a questa esperienza? Aspettare che passi? Farti travolgere? Controllarla? Comprenderne il senso? Pensare alle conseguenze? Non fare nulla?

Sono solo una minima parte delle possibili scelte. Ce n’è però una che può essere più funzionale di altre, soprattutto se hai deciso che E’ ORA DI ESSERE FELICE: comprendere che il caso non esiste e ogni istante della tua vita è unico e irripetibile e porta con sé una possibilità inestimabile di consapevolezza e, quindi, di potenziale felicità.

Voglio dire che per migliorare la tua vita per portarla verso un’abbondanza e una pienezza mai provate, è arrivato il momento di prendere una decisione fonadmentale: PASSARE DA SPETTATORE A PROTAGONISTA, DA VITTIMA A CREATORE.

Come si fa?

Smascherando le resistenze che la mente mette in atto per mantenere tutto in quella IMMOBILITA’ CHE VIENE CONFUSA CON STABILITA’.

1) In ogni momento, permettiti di vivere il “qui ed ora” e considera che sei sempre nel posto giusto ed è sempre il momento giusto per sentire se la situazione di quel momento TI FA STARE BENE o TI FA STARE MALE.

2) In ogni momento, permettiti di vivere il “qui ed ora” e SMETTI DI PENSARE AL PASSATO perché non ti serve a nulla rimpiangere ciò che era o ciò che non è stato. Non ti serve a nulla giudicarti per ciò che eri o che non sei stato. PENSA PIUTTOSTO A CIO’ CHE SEI, A CHI VUOI ESSERE E A COSA E’ IMPORTANTE PER TE.

3) In ogni momento, permettiti di vivere il “qui ed ora” e SMETTI DI PENSARE AL FUTURO perché non ti serve a nulla PREoccuparti di qualcosa che ancora non è accaduto. Non ti serve a nulla creare aspettative, ansie o pensieri. PENSA PIUTTOSTO A CIO’ CHE SEI, A CHI VUOI ESSERE E A COSA E’ IMPORTANTE PER TE.

4) In ogni momento, permettiti di vivere il “qui ed ora” e SMETTI DI LAMENTARTI DI CIO’ CHE NON VA  perché non ti serve a nulla se non ad abbassare le tue vibrazioni e ad offuscare la tua splendida luce. PENSA PIUTTOSTO A CIO’ CHE SEI, A CHI VUOI ESSERE E A COSA E’ IMPORTANTE PER TE.

5) In ogni momento, permettiti di vivere il “qui ed ora” e TROVA MOTIVI PER RINGRAZIARE, basta un sorriso, un abbraccio, un caffè offerto, una qualsiasi delle molte cose che finora hai dato per scontate.

QUELLA IN CUI SEI, E’ LA STRADA PERFETTA PER RENDERTI CONTO CHE SEI UN ESSERE MERAVIGLIOSO e CHE LA LUCE SI RICONOSCE MOLTO MEGLIO QUANDO C’E’ BUIO INTORNO.

Testa alta. Guardati. Complimentati con te stesso per tutti i tuoi pregi, per la fatica che hai fatto per essere chi sei, per le prove che hai superato. SBARAZZATI DEL GIUDIZIO ALTRUI, MA SOPRATTUTTO DEL TUO: NON TI SERVONO CONFERME PER RICONOSCERE LA TUA GRANDEZZA. NON ASPETTARE DALL’ESTERNO I RICONOSCIMENTI CHE SOLO TU PUOI DARTI.

FALLO E BASTA. QUESTO E’ IL PRIMO PASSO DELLA TUA ABBONDANZA.

Amore e luce a te.

Marco Fincato

 

 

 

 

https://www.liberodivolare.com/calendario.html

L’universo è uno specchio

L’universo è uno specchio

Quante volte succede qualcosa e ti trovi a dire: “L’avevo detto” o “Me lo sentivo”?

Tante, lo so! Capita di continuo a tutti, solo che l’interpretazione che abitualmente viene preferita è legata ai concetti di casualità o di fortuna.

E se non fosse così? E se ci fosse una precisa corrispondenza fra ciò che pensi e ciò che sperimenti?

Prova a immaginare che meraviglia sarebbe se i tuoi pensieri più belli potessero diventare realtà! ..e se fosse possibile, quali sarebbero i primi pensieri che vorresti si manifestassero?

Ora pensa al mondo e alle persone che ti circondano come uno SPECCHIO, cosa vedresti? Cosa si vede guardando uno specchio? La risposta la sai: IN UNO SPECCHIO VEDI TE STESSO!!

Voglio proporti un giochino, non c’è nulla da perdere! Ti va di seguirmi in questa semplice proposta? Non ti chiedo di fidarti ciecamente delle mie parole, ma, anzi, di mettere alla prova questo specchio.

LA BUONA NOTIZIA È CHE NON HAI NIENTE DA PERDERE E NE VALE LA PENA 🙂

1- Inizia dal portare con te carta e penna e abituati in questi giorni ad annotare pensieri, sensazioni, preoccupazioni e, in generale, quello a cui la tua mente dà importanza.

2-, Contemporaneamente in un altro foglio, scrivi le situazioni e i piccoli e grandi avvenimenti che accadono in qualsiasi ambito della tua vita (da una bolletta da pagare, un caffè offerto a una discussione) e le emozioni che provi in quei contesti.

Ti chiedo di fare questa analisi per una settimana. Successivamente, metti vicini i due fogli. Noterai che le emozioni del primo foglio, quelle legate ai tuoi pensieri, sono simili a quelle del foglio di ciò che ti accade!

3 – ED ORA LA PARTE PIÙ INTERESSANTE: scegli le emozioni che vorresti provare spesso (può aiutarti pensare a qualcosa di bello che già hai vissuto), legate a serenità, gioia, entusiasmo, amore, felicità etc.. e portale in te riprovando quel piacere come fosse attuale.

4 – Fai questa cosa più volte al giorno, metti in giro post-it o sveglie per ricordarti di farlo, MA FALLO DAVVERO!! Più volte crei quella felicità in te, meglio funziona.

5 – La sera, annota quello che ti è accaduto di insolito, diverso, nuovo rispetto al solito: TI STUPIRAI DEL RISULTATO!!

Ricorda che uno specchio fa solo una cosa: RIFLETTE L’IMMAGINE CHE HA DAVANTI!

LA BUONA NOTIZIA è che TU PUOI SCEGLIERE COSA VUOI CHE LO SPECCHIO PORTI NELLA TUA VITA!! Non perdere tempo, FALLO SUBITO!

Amore e luce a te ❤️

Marco Fincato

 

 

Uscire dalla vibrazione della paura

Abbiamo un potenziale meraviglioso che ci fa tendere alla realizzazione e alla pienezza ma ci sono degli ostacoli che spesso rendono complicato il nostro allineamento al fluire dell’abbondanza.
Una delle resistenze più forti è la PAURA.
Non parlo delle paure istintive che ti salvano la vita quando sei in pericolo ma di quelle irrazionali che spuntano fuori quando meno te l’aspetti.

La paura è la vibrazione più bassa che esista e, se incontrollata, ci pietrifica vanificando ogni nostra iniziativa.
La paura il più delle volte si nasconde dietro valide motivazioni e reazioni che apparentemente nulla hanno a che vedere con la paura stessa: perfezionismo, procrastinazione, controllo, giudizio (per elencarne alcune).
Modalità che giustificano e rendono l’unica scelta sensata l’abbandono di un progetto, il ridimensionamento di un’impresa…che alla fine è fondamentalmente la rinuncia a un sogno.

Naturalmente, invece di arrenderci, possiamo anche combattere la situazione causata dalla pura con volontà, perseveranza e determinazione: questo può portare al raggiungimento di risultati MA disperde enormi quantità di energia e, soprattutto, non apporta modifiche al sistema comportamentale che riproporrà costantemente le solite modalità di perfezionismo, procrastinazione, controllo, giudizio (…).

LA BUONA NOTIZIA è che esiste, però, una via alternativa alla rinuncia o alla lotta: la CONSAPEVOLEZZA.
E’ questa che permette di risolvere le cause della paura per ottenere risultati eccellenti riportandoci nel nostro pieno potenziale.

1) Un primo passo in questa direzione è SMASCHERARE le paure: riconoscerle, elencarle su un foglio, portarle allo scoperto!
Questo offre la possibilità di RIDIMENSIONARLE donando alla nostra mente una VALIDA ALTERNATIVA alle vecchie, abituali reazioni bloccanti.

2) Permetti alla tua mente di considerare l’opportunità che ogni reazione è soggettiva e che esistono persone che reagiscono in maniera completamente diversa.

3) Pensa a te stesso nella nuova veste che decidi di avere, libero dalla paura.
Chiudi gli occhi e dipingiti come se quella paura non fosse mai esistita, vestiti come vorresti, poniti al centro della scena in cui HAI GIA’ RAGGIUNTO quel traguardo di successo e PERMETTI ALLE EMOZIONI POSITIVE di pervadere il tuo essere. (Se usi VirtualMind®, sai di cosa parlo!)

4) Immagina e ricorda i passaggi che ti hanno portato a quel momento (nel 3° punto) e TRASFORMALI IN OBIETTIVI QUOTIDIANI, concreti, realizzabili e VERIFICABILI.

5) Smetti di guardare esclusivamente la cima della montagna che stai scalando e ogni tanto goditi il paesaggio dal punto in cui ti trovi, considerando il fatto che tempo fa eri ancora più in basso di oggi!!

Ricordati che LA MENTE PUO’ CREARE TUTTO CIO’ CHE RIESCE AD IMMAGINARE, e non ciò che non immagina nemmeno.

Amore e luce a te.

– Marco Fincato –

 

 

 

 

 

Abbondanza

Abbondanza è iniziare a sorridere dal mattino appena svegli.
Abbondanza è lo sguardo di una persona che ami.
Abbondanza è la celebrazione della tua esistenza.
Abbondanza è sentire il fluire della vita e abbandonarsi ad esso.
Abbondanza è un fiore.
Abbondanza è permettersi di ricevere.
Abbondanza è sentire di meritare.
Abbondanza è vivere appieno ogni istante.
Abbondanza è saper godere delle gioie della vita, anche le più piccole.
Abbondanza è il rumore del vento.
Abbondanza è il ritrovare la strada.
Abbondanza è la carezza ricevuta mentre accarezzi.
Abbondanza è una telefonata.
Abbondanza è amore.
Abbondanza è il portare attenzione alle cose positive e rendersi conto che ve ne sono molte.
Abbondanza è una risposta che aspettavi.
Abbondanza è un bimbo che sorride.
Abbondanza è coltivare rapporti felici.
Abbondanza è un caffè con un amico.
Abbondanza è l’aria che respiri.
Abbondanza è il piacere delle piccole e grandi conquiste.
Abbondanza è il cuore che batte.
Abbondanza è il sole che sorge e la pioggia che cade.
Abbondanza è un abbraccio.
Abbondanza è qualcosa che meno la cerchi e più ne avrai se impari a riconoscerla.
Abbondanza è qualcosa che vivi dentro e che non ha nulla a che vedere con il caso o la fortuna.
Abbondanza è saper riconoscere i moltissimi motivi per cui essere grati e farlo in ogni momento e con tutto il cuore, consapevole che continueranno ad aumentare.

– Marco Fincato –

gra

Ti evolvi nella gioia o nella sofferenza?

Ti evolvi nella gioia o nella sofferenza?

“L’universo non manda nulla che tu non sia pronto ad affrontare”.

Ho sempre creduto in questa affermazione e ci credo ancora fortemente.
Si, perché dopo anni di sfide superate e di occasioni (le chiamo volutamente così nonostante spesso abbiano preso la forma di vere e proprie disgrazie) – a volte decisamente drammatiche – ho imparato che proprio nei momenti più bui sono riuscito ad attivare le risorse necessarie a ritrovare la luce.

E di fronte a una situazione molto dolorosa che si stava protraendo da mesi, qualche sera fa, sono giunto a un bivio fondamentale e dopo essermi reso conto di essere più che equipaggiato per superare anche questa, mi sono fatto finalmente la domanda più importante: HO DAVVERO INTENZIONE DI CONTINUARE AD EVOLVERMI ATTRAVERSO FATICA E SOFFERENZA?

Quante occasioni buie deve ancora mandarmi l’universo per farmi riconoscere la mia luce?
Quante volte ancora vorrò convincermi che il buio mi serve a definire il significato di luce?

Ho deciso quindi di cambiare modo di affrontare le situazioni. Talmente diverso che la mia mente, sconvolta, è andata in loop non trovando soluzioni razionali all’accaduto.

1. Per cominciare ho adottato una filosofia molto più congeniale alla mia evoluzione, presa in prestito da Confucio: “Se puoi risolvere questa cosa, perché ti preoccupi? E se non puoi farci nulla, perché ti preoccupi?

2. Da quel momento ho iniziato a comprendere e sperimentare quindi una cosa fenomenale: L’UNIVERSO NON HA VOLONTÀ PROPRIA E RISPONDE ALLE MIE RICHIESTE, CONSAPEVOLI O MENO, E NON È INTERESSATO A MANDARMI ESPERIENZE PER EVOLVERMI!!!

3. Ho deposto le armi. Nessuna sfida, nessuna lotta, nessun controllo, nessuna aspettativa.
Non lo avevo mai fatto.
Si chiama AFFIDARSI e rinunciare quindi a dare energia e forza a ciò che non vogliamo semplicemente smettendo di farsi travolgere da pensieri e paure.

4. Ho fatto un bel respiro ed ho elencato su un foglio le sensazioni spiacevoli e le paure che sentivo nel lasciare il controllo della situazione. L’ho fatto da solo, con domande del tipo: “cosa può accadermi se lascio che accada questa cosa?” o “se succede questa cosa, cosa perdo?”

5. Questo elenco era pieno di potenziali disastri. Ma la novità stavolta, era che non li ho considerati oggettivi e universali, ma solo delle possibilità! Non ho elaborato strategie di reazione o di protezione e ho elencato su un’altro foglio le possibilità opposte, positive che sarebbero potute accadere in alternativa a quelle disastrose di prima ed ho scelto di credere in quelle cancellando le altre.

Quell’immagine nuova era talmente perfetta che ho chiuso gli occhi e ho deciso di sognare che fosse già reale, già accaduto. Ne ho assaporato immagini, sensazioni, piaceri immergendomi in quella vita perfetta qualche minuto al giorno.

Beh, sta accadendo.

L’UNIVERSO HA CAPITO CHE SONO PRONTO AD AFFRONTARE ANCHE LA GIOIA..Ma soprattutto, L’HO CAPITO IO.

E tu sei pronto a lasciar andare i conflitti e attirare gioia?
Lascia andare allora. Fai spazio. Fai quei 5 passi al più presto anche tu.

Ti auguro di cuore di esserti stato utile, buona vita <3

Marco Fincato

Il tuo Vero Te sta aspettando

Aspettative e nuove possibilità

Ci sono momenti in cui mi accorgo che ci sono scelte fatte senza pensarci e senza rendermene conto. Anzi, ci sono occasioni in cui non ho nemmeno l’impressione di aver scelto qualcosa o qualcuno!!
Si, perché ci sono scelte che nascono dal buon senso e da qualcosa che nella mente è ovvvia e scontata, quindi non si tratta di vere e proprie decisioni ma di scelte praticamente obbligate.

Quante volte sai già come andrà a finire qualcosa e poi alla fine, ti trovi a dire “Lo sapevo che finiva così”?

Mi rendo conto che una caratteristica molto diffusa sia la tendenza a generalizzare l’interpretazione della propria esperienza estendendola a tutti come se fosse l’unica verità possibile.

E’ un atteggiamento umano e assolutamente lecito, però penso anche che si possa anche decidere di considerare punti di vista diversi e, così facendo, permettersi di allargare le proprie vedute.

Questo perché:
Se non l’hai provato tu, non significa che non esista.
Se non sai cosa si provi, non significa che nessuno al mondo lo sappia.
Se non hai mai vissuto questa esperienza, non significa che sia universalmente impossibile farlo.
Se non conosci persone così, non significa che non esistano.
SE HAI SPERIMENTATO QUALCOSA, NON SIGNIFICA CHE DEBBA ANDARE SEMPRE ALLA STESSA MANIERA.

E’ PIU’ CHE ALTRO UNA QUESTIONE DI ASPETTATIVE legata all’innata abitudine della mente a classificare, etichettare e giudicare ogni vissuto basandosi sugli unici elementi che ha a disposizione: la sua interpretazione delle esperienze pregresse.

Possiamo aspettarci sofferenza e fatica; possiamo aspettarci ostacoli e difficoltà; possiamo aspettarci gioia e leggerezza; possiamo aspettarci pienezza e felicità. La scelta è tutta nostra.

MA E’ ORMAI SEMPRE PIU’ EVIDENTE CHE PIU’ CI ASPETTIAMO QUALCOSA E PIU’ METTIAMO LE BASI PERCHE’ ENTRI A FAR PARTE DELLA NOSTRA REALTA’!

Perché, allora, non cominciamo a darci il permesso di accogliere punti di vista più ampi?

1) Sforziamoci di ‘osservare’ come la nostra mente tende a interpretare quello che stiamo vivendo attimo per attimo.
2) Chiediamoci se -razionalmente- è effettivamente l’unica reazione possibile o se, nel mondo, conosciamo qualcuno che reagirebbe in modo diverso.
3) Abituiamoci, esercitandoci a farlo, a trovare qualcosa di positivo in ciò che stiamo vivendo, consapevoli che anche la crisi peggiore ci può preparare a cambiamenti importanti e inaspettatamente positivi.

Possiamo darci il permesso di iniziare ad aspettarci qualcosa che finora non avevamo sperimentato sapendo che proprio questo significa aprire la porta a una realtà molto diversa perché TUTTO PUO’ CAMBIARE, TUTTO PUO’ MIGLIORARE, TUTTO PUO’ EVOLVERSI IN MEGLIO SE SIAMO DISPOSTI A PERMETTERLO.

“HAI LA FORZA PER FARCELA, DEVI SOLO SCOPRIRLA PRIMA DI ESSERE OBBLIGATO A FARLO!
(Marco Fincato)”

Amore e luce a te.

– Marco Fincato –

Firma

 

 

https://www.liberodivolare.com/thetahealing/seminari_th.html

 

Volare è possibile se ti offri il permesso di farlo!

Conosci la voce del tuo silenzio?

Ogni giorno, istante dopo istante, siamo talmente presi dalle attività in cui siamo immersi che non ci rendiamo nemmeno conto di quante decisioni prendiamo e di quante scelte facciamo.
Sono scelte continue che non passano quasi mai per la nostra consapevolezza: “Attraverso la strada? Giro a destra? Evito quella persona in arrivo? Guarda che bella vetrina! Dovrei tagliarmi i capelli! Dove avrà comprato quelle scarpe? Guarda quello che scemo! Ho dimenticato di chiudere la macchina o è solo un’impressione? Vado a vedere? No, a che serve tornare, l’avrò chiusa di sicuro! Vabbè, vado lo stesso.”

Chi non conosce questo genere di pensieri? E’ vero o no che sperimentiamo questa condizione tutti i giorni?

Un lavorìo ininterrotto fatto di considerazioni, giudizi, obiezioni, repliche, etichette, scelte..la mente è operativa 24 ore al giorno senza sosta e spesso ho l’impressione che questa parte di me sia assolutamente fuori dal mio controllo.

Peggio, questa parte di me vuole farmi credere di essere a capo di ogni decisione e di ogni scelta che faccio: vuole convincermi di essere il controllo.

Ma allora mi chiedo ogni volta: “COME SAREBBE SOSPENDERE TUTTO QUESTO RUMORE E PERCEPIRE LA REALTA’ ATTRAVERSO ALTRI OCCHI, CON UN PO’ DI PACE DENTRO?”

Da un po’ di tempo ho l’abitudine di intromettermi nel ciclo inarrestabile di pensieri/considerazioni/decisioni. Tutto è iniziato dopo aver letto un libro sulla Legge d’Attrazione (Si intitolava The Secret) nel quale veniva suggerito di iniziare a controllare i propri pensieri per ritrovare piena consapevolezza di ciò che entra nella nostra realtà.

Accidenti, sembrava davvero facile sulla carta! Se posso percepire e ‘osservare’ la mia mente, significa che in me esiste una parte in qualche modo “superiore” alla mente stessa. Una parte che è in grado di elevarsi oltre la mente e giudicarne l’operato!

Le difficoltà sono nate quando ho provato ad escludere la mente razionale e ad esercitare una sorta di controllo su di essa: non voleva saperne!!
Non riuscivo a ‘non pensare’.
Non riuscivo a mantenere la concentrazione richiesta per più di qualche secondo e l’unica considerazione che riuscivo a fare era che LA MENTE NON VUOLE SAPERNE DI LASCIARE IL CONTROLLO!!

Dopo molti tentativi, ho capito che era solo un problema di metodo.
Dovevo ancora scoprire che esiste un sistema ben più efficace del concentrarsi e si basa sull’esatto opposto: abbandonare lo sforzo e rilassarsi.

VUOI CONOSCERE LA PARTE PIU’ PROFONDA DI TE?

VUOI RIPRENDERE IN MANO IL CONTROLLO DELLA TUA REALTA’?

VUOI ASCOLTARE LA TUA VOCE INTERIORE PER ATTINGERE ALLA SUA PROFONDA SAGGEZZA?

Tutto inizia con il CONCEDERSI QUALCHE MINUTO AL GIORNO per noi stessi.

1) Trova qualche minuto di silenzio. Trovalo, ne vale la pena!
2) Mettiti seduto comodo e chiudi gli occhi.
3) Porta la tua attenzione all’aria che entra ed esce dal naso. Non sforzarti, è facilissimo: l’aria entra e poi l’aria esce.
Sei nel momento presente, l’aria entra e poi esce, non esiste altro.
4) Immagina la tua realtà così come vorresti che fosse (Se hai difficoltà, prova con QUESTA MEDITAZIONE GUIDATA) e immergiti in questa come se fosse l’unica realtà possibile.
5) Se pensieri indesiderati o distrazioni dovessero affacciarsi, guardali allontanarsi come una nuvola soffiata via dal vento.

Abituarsi a questo genere di silenzio ti permetterà di riconoscere sempre più facilmente la tua vera voce, la voce del tuo VERO TE. Sempre più spesso, riuscirai ad osservare con distacco i ‘giochini’ della mente e a ritrovare questa pace interiore anche senza chiudere gli occhi 🙂

Buona meditazione, buon silenzio, buona pace interiore.

Amore e luce

– Marco Fincato –

Firma

meditation-264508_1280

Il mondo inizia dentro di te.

Si dice che il mondo è bello perché è vario e girovagando per la città mi rendo conto che nessun detto è stato mai più azzeccato di questo!
E’ davvero così “vario” che più volte ho avuto la sensazione di essere fuori posto e che l’ideale di un mondo splendido formato da persone gentili, generose e disponibili sia sempre più un’utopia di pochi.

Eppure quando ci si confronta con altre persone sembra sempre che siano tutti d’accordo sul voler essere parte di un mondo migliore fatto da esseri civili e sensibili e che sono sempre gli altri a non avere rispetto ed educazione!

Troppo spesso, però, si resta inermi a osservare una società piena di difetti dove risulta difficile trovare margini di miglioramento.
E’ vero: non è sempre semplice cambiare il mondo in cui viviamo ed è semplicemente impossibile pensare di cambiare le persone che ci circondano insegnando loro senso civico e buone maniere.

Sono però convinto che esista un modo decisamente efficace per cambiare il mondo e, soprattutto, credo sia alla portata di tutti.
E’ riassumibile nella frase “Sii il cambiamento che vuoi vedere nel mondo“, una celeberrima citazione del Mahatma Gandhi.

Ed è esattamente così: la società non è un’entità astratta che vive di vita propria ma un insieme di persone caratterizzate dai propri modi e dalle proprie credenze; così, invece di pensare a come dovrebbero diventare gli altri, PERCHE’ NON COMINCIARE A VIVERE IN PRIMA PERSONA I CAMBIAMENTI CHE VORREMMO OSSERVARE NEGLI ALTRI?

Anche nelle piccole cose e nei piccoli gesti quotidiani, esprimere quella gentilezza, quelle accortezze e quella sensibilità di cui siamo capaci, oltre ad essere esempio concreto per chi ci circonda, è un costante atto di diffusione di alte vibrazioni.
Il mondo circostante non è indifferente alla nostra energia e, tanto più ci “eleviamo”, tanto più possiamo condizionare il mondo intorno a noi!

Se ognuno di noi iniziasse a spargere nel mondo la splendida e luminosa energia dell’amore incondizionato anziché farsi travolgere dai facili giudizi o elargire superficiali colpe, in breve tempo assisteremmo a un cambiamento epocale nato dall’interno: A PARTIRE DA NOI STESSI.

Il cambiamento non è così complicato come la mente vorrebbe suggerire:

1) Inizia a riscoprirle e abituati a portare la tua attenzione sulle migliaia di piccole e grandi cose positive di cui la tua realtà è piena e dai energia a quelle anziché sottolineare sempre le cose che non vanno.

2) Trova del tempo per insegnare alla mente che ogni anima fa del suo meglio nel momento in cui si trova e che il rispetto del libero arbitrio altrui è un immenso atto d’amore. Giudicare e trovare continuamente colpevoli oltre a disperdere grandi quantità della tua energia, non servirà a cambiare nulla!

3) Vivi in ogni istante l’amore incondizionato di cui sei capace ACCETTANDO ED AMANDO TE STESSO E GLI ALTRI PER QUELLO CHE SONO. Diffondi luce ed amore ovunque ti trovi senza curarti di venire necessariamente ripagato o ricambiato: sempre più frequentemente sperimenterai di quanto amore stai ricevendo a tua volta!

L’oceano è fatto di miliardi di gocce e ognuno di noi può fare la differenza ripulendo e curando la propria vita.

“Per chi vuole vederli, ci sono dei fiori dappertutto”.
(Henri Matisse)

Amore e luce.

– Marco Fincato –

Firma

https://www.liberodivolare.com

fiori

Coincidenza o Attrazione? – I Condizionamenti e il loro potere

Nel primo articolo sulla Legge D’Attrazione (Se non lo hai letto, clicca QUI), abbiamo analizzato il funzionamento di questa Legge considerandone la potenza ma anche la semplice linearità: attiriamo nella nostra realtà le stesse frequenze (vibrazioni) che emettiamo in ogni istante.

Arriviamo oggi al nocciolo del problema che molti sollevano: PERCHE’ CON ME NON FUNZIONA?

La domanda, in realtà, non è affatto corretta, perché la Legge D’Attrazione, FUNZIONA SEMPRE!
Quello che molti non considerano, però, è che NON TUTTI SONO CONSAPEVOLI DI CIO’ CHE EMETTONO a livello vibrazionale, e quindi, di cosa stanno attirando nella loro realtà!

Questo accade perché spesso non viene ben spiegato un concetto fondamentale e cioè che NOI NON SIAMO SOLO RAZIONALITA’ e che la nostra mente consapevole controlla solo una minima parte dei nostri pensieri.

ABBIAMO UN PILOTA AUTOMATICO in noi che percepisce, filtra, giudica, etichetta e DECIDE molto, molto prima che la mente razionale se ne accorga!!
Ecco perché puoi pensare positivo quanto ti pare ma spesso continui a sperimentare le solite dinamiche.

Ti faccio notare un dettaglio che può cambiarti la vita se lo comprendi bene.
Il nostro comportamento è governato da un insieme di credenze ataviche, familiari, sociali, di cui spesso non siamo consapevoli e che ci spingono ad agire in un modo talvolta stereotipato e in contrasto con il nostro modo di vedere la vita: SI CHIAMANO CONDIZIONAMENTI INCONSCI.

Sono delle verità incontrovertibili che decidono a nostra insaputa cosa è giusto, sbagliato, facile, difficile, etico, possibile, impossibile (…) in ogni istante della giornata, in modo del tutto automatico e senza alcun controllo da parte della mente!
Fortunatamente, molte di queste verità sono condizionamenti ‘potenzianti’ che ci permettono di affrontare sfide quotidiane, di vivere momenti meravigliosi, sperimentare situazioni positive e di apprezzarci ed amarci per quello che siamo ma ce ne sono anche molti ‘depotenzianti’ che limitano fortemente la nostra pienezza portando nella nostra realtà conflitti, sofferenza, insuccessi o delusioni.

Queste convinzioni-credenze-condizionamenti ‘limitanti’ sono molto più potenti di quelle consce e, proprio perché risiedono nel 90% della nostra mente (appunto, inconscia) prendono abitualmente il sopravvento sulle nostre scelte consapevoli, indipendentemente da quanto determinati, positivi e costruttivi possiamo essere.
Esse vengono assimilate e diventano parte del nostro inconscio in diversi tempi e modi.

Durante i primi anni della nostra vita, quando gesti, parole e abitudini familiari vengono fatti nostri formando così il nostro carattere e il nostro personale modo di concepire e interpretare il mondo.
Durante l’evolversi della vita stessa, quando razionalizziamo le esperienze quotidiane e, giudicandole, ne traiamo conclusioni e conseguenti modi di reazione.
Dalla società in cui viviamo, che ci trasmette usi, costumi e schemi di comportamento codificati.
Dalle esperienze e dalla saggezza del passato, dei nostri avi e della storia in generale.

E’ A QUESTO LIVELLO CHE DOBBIAMO LIBERARCI PER PERMETTERE ALLA LEGGE D’ATTRAZIONE DI PORTARE NELLE NOSTRA REALTA’ QUANTO MERITIAMO!

Fortunatamente, proprio in questi anni, stanno fiorendo tecniche in grado di svolgere questo lavoro di ‘riprogrammazione’. Una fra tutte, quella che al momento mi sembra la più veloce e potente, si chiama THETAHEALING, che, fra i vari scopi, ha proprio quello di aiutare a riconoscere i condizionamenti che per anni hanno guidato la nostra vita a nostra insaputa per poi modificarli in pochi minuti.

Grazie a questo lavoro diventa allora possibile allineare la mente consapevole con quella inconscia e iniziare a sperimentare la pienezza che questa meravigliosa vita può portare in ognuno di noi <3

Lo meriti.

Lo meritiamo.

Amore e luce a te.

– Marco Fincato –

Firma

(Per info su questa splendida tecnica, clicca qui:
https://www.liberodivolare.com/thetahealing.html
https://www.liberodivolare.com/thetahealing/onde_th.html
https://www.liberodivolare.com/thetahealing/seminari_th.html)

thinking2

Coincidenza o Attrazione? – Introduzione

“Piove sul bagnato”.
Chi non ha mai detto almeno una volta questa frase e affermato questa incontrovertibile verità?
Si, incontrovertibile quanto la Legge di Murphy!

Quando la sentiamo, puntualmente la associamo a qualcosa che va storto e più di una volta mi sono chiesto come mai siamo tanto bravi a sottolineare tutte le sciagure e le sfighe (si, passatemi il termine!) quotidiane.

Ma come mai siamo altrettanto bravi a dimenticare e omettere le cose positive?
Lo sapevi che ‘piove sul bagnato’ anche in positivo?
Non ti sei accorto che lo sperimentiamo quotidianamente ma non ci facciamo nemmeno caso?

Le leggi “Piove sul bagnato” e “Legge di Murphy” esistono ed agiscono costantemente ma molti di noi non ne conoscono i principi e nemmeno il funzionamento e preferiscono chiamarle “Sfortuna, sfiga, jella, caso….o fortuna, coincidenza, cu*o..”.

In realtà un nome che le accomuna ce l’hanno ed è “LEGGE D’ATTRAZIONE.

Già vedo le diverse reazioni che vanno dal “che cavolate” al “che noia, so già tutto”, passando per il “tanto non funziona, specialmente con me”.

Sono state scritte (e dette) inestimabili quantità di parole a riguardo, eppure ancora per molti di noi questa Legge Universale è ancora poco nota, o, meglio, ancora poco utilizzata consapevolmente.
Si, perché il segreto per sperimentarne gli effetti sta nel comprenderne la semplicità e la linearità.

La Legge d’Attrazione dice una sola cosa: “Noi attiriamo le frequenze che emettiamo”.

Non dice altro.
E, detta così, è fin troppo facile.

Ma la nostra mente adora complicare le cose semplici e ci suggerisce immediatamente obiezioni e contro-teorie per giustificare il fatto che non ha la minima intenzione di lasciare la strada vecchia per la nuova!

Cosa sono queste FREQUENZE?
Siamo corpi elettromagnetici e il campo energetico (gli atomi!) di cui siamo fatti, ha una ‘frequenza’ (molti amano chiamarla ‘vibrazione energetica’) che si espande anche oltre il corpo fisico.

Prova a immaginare una corda di una chitarra o un elastico teso: quando la pizzichi, inizia a vibrare, ed è proprio quella vibrazione (frequenza) che produce un suono.
Immagina che questa frequenza faccia vibrare gli atomi intorno alla corda e si propaghi di atomo in atomo, fino alle tue orecchie: è così che il suono arriva a te!

Quella vibrazione (frequenza elettromagnetica) si è, di fatto, propagata interferendo con la iniziale vibrazione del campo energetico fra la corda e il nostro orecchio..o pensavate che fra la corda che vibra e l’orecchio che ne percepisce il suono (frequenza vibrazionale) ci fosse il vuoto??
(Giusto per puntualizzare, con una banale ricerca potete conoscere le specifiche frequenze di ogni nota musicale).

Ecco, anche noi ‘vibriamo’.
Anche il nostro cervello ha le sue frequenze.
Le nostre emozioni, il nostro stato d’animo, i nostri pensieri, le nostre sensazioni, modificano costantemente la nostra frequenza elettromagnetica.

IL MONDO INTORNO A NOI, come il suono della chitarra, VIENE CONDIZIONATO DALLE NOSTRE FREQUENZE facendoci da specchio e riportandoci esperienze di pari frequenza.
Rabbia, rancore, paura, rimpianto, competizione, odio…: basse vibrazioni.
Amore, gioia, serenità, gentilezza, gratitudine…: alte vibrazioni.

Quindi, l’unico modo per usarla a nostro favore è conoscerla, un po’ come scegliere se andare controvento remando o issare la vela e farsi portare dal vento stesso.

1) Inizia dal riconoscere il tuo stato d’animo durante la giornata e cerca di riportare i tuoi pensieri e le tue sensazioni a una vibrazione più elevata possibile (ti rimando al mio articolo sulla gratitudine).

2) Porta la tua attenzione su cosa vorresti nella tua realtà, dedicando qualche minuto a visualizzare ad occhi chiusi la tua vita con i cambiamenti che desideri (come fossero già accaduti) e percepisci la gioia che ne deriva.

3) Pensa in positivo e renditi conto puoi anche scegliere di vedere il bicchiere mezzo pieno!

Nella seconda parte, analizzerò un altro aspetto fondamentale: lavorare sui nostri condizionamenti inconsci come chiave per sbloccare la nostra vita.

“L’universo è pazientemente in attesa di donarti ciò che desideri.”
(Gary Quinn)

Amore e luce.

– Marco Fincato –

Firma

 

 

https://www.liberodivolare.com/thetahealing/onde_th.html

 

mente tramonto 001